Come scegliere la SD giusta

Scegliere una scheda di memoria per la propria fotocamera o videocamera può sembrare complicato, ma leggendo bene le informazioni scritte sulla stessa scheda SD, e facendo un po’ di matematica spiccia ce la si può cavare.
Vi aiutiamo con questa guida alla scelta della migliore SD per l’uso che ne dovete fare. 

Inizieremo con una panoramica rapida sulle migliori schede di memoria SD per ogni specifica applicazione (per chi ha bisogno di comprare una SD e non vuole saperne niente di tutta la tecnica correlata). E poi proseguiamo con tutti gli aspetti specifici che ci guidano nella scelta.

Un disclaimer: attenzione ai falsi! A volte si trovano in giro, su negozi online poco seri, SD contraffatte che da specifiche tecniche promettono molto, e poi alla resa dei conti non funzionano come dovrebbero. Il consiglio è quello di comprare da store noti, e soprattutto di non affidarsi a marche poco conosciute: in fin dei conti la differenza di prezzo non è molta, e spendere qualche euro in più vi risparmierà molti grattacapi.

 

Migliori SD per le varie applicazioni

Qui trovate semplicemente quello che vi serve per comprare l’SD giusta senza troppe preoccupazioni. Vi diamo anche un paio di suggerimenti su SD specifiche, per velocizzarvi l’acquisto.

SD migliori per foto in JPEG

In questo caso vi serve una scheda da almeno 16GB (meglio ancora se 32GB, per semplici motivi di costo), di classe 10, con lettura a 30MB/s.

Vi consigliamo queste:
una Professional di Lexar
una Transcend molto economica, se volete spendere proprio poco

SD per video FullHD e fotografia RAW

Il video FullHD, ovvero a 1080p, richiede qualche risorsa in più alle schede SD. La classe minima è la U1, con una velocità di lettura di almeno 45MB/s per un trasferimento dei dati sufficientemente veloce. La pezzatura consigliata è quella da 32GB, almeno.

Vi consigliamo questa:
ancora una Lexar, un po’ più prestante (scegliete la pezzatura da 64GB se è conveniente sul momento)

Schede SD migliori per video 4K

Arriviamo al limite più stressante per le schede SD usate normalmente su mirrorless e videoreflex: il video 4K. In questo caso la classe da considerare è la U3, con velocità di almeno 60MB/s. Le pezzature consigliate sono quelle da 64 o 128GB (non di più, vi spieghiamo sotto perché).

I nostri consigli per gli acquisti:
questa di Sandisk
questa Kingston, economica ma efficace
questa Lexar, un po’ più veloce in lettura

 


E ora andiamo sul tecnico!

 

Le specifiche tecniche delle schede SD

Ci sono un sacco di numeri sulle SD, e la cosa può confondere. Analizziamo in dettaglio ciascun parametro importante.

La classe della scheda

È l’indicatore che ci interessa più di tutto, perché riguarda la velocità di scrittura, cioè la velocità con cui possiamo registrare i dati sulla scheda.
È un valore che indica la velocità minima di scrittura garantita per quella SD: il produttore ci sta dicendo che quella SD potrà registrare almeno una certa quantità specifica di dati in un’unità di tempo, ma è possibile che la quantità di dati sia anche maggiore, in base alle condizioni specifiche.

Questa tabella indica le velocità di scrittura per ciascuna classe:

Nei nostri casi si deve partire da una scheda con almeno classe 10 in scrittura: sotto questo standard non vale la pena andare, perché è quello che permette di registrare video con risoluzione FullHD, ovvero 1080p.
La velocità di scrittura necessaria per registrare in 4K è quella raggiunta dalle schede SD di classe U3.

 

Per capire meglio

Il parametro della classe di scrittura va messo in relazione con il bitrate della vostra camera, che in genere trovate sulle specifiche tecniche dell’apparecchio, e confrontandolo con una semplice equivalenza al valore specifico per la classe indicata.

Facciamo un esempio: la Sony a6300 ha un bitrate di 100Mbps 4K, ovvero quando registrate in 4K la macchina produce 100Mb per ogni secondo di registrazione.

L’equivalenza che dovete fare è quella tra MB (il valore sulla scheda) e Mb (il valore indicato dal produttore), dividendo i MB per 8.
Il valore del nostro caso specifico è di 12,5MB/s, ed è da qui che esce la classe U3 per la registrazione in 4K.

Velocità in MB/s

La velocità in MB/s deve essere considerata una velocità di lettura, e non di scrittura.
In poche parole, quanto ci mette una scheda a scaricare il suo contenuto su un computer o su un qualsiasi spazio di archiviazione.
È un valore meno importante di quello della velocità di scrittura indicata tramite la classe, ma non va sottovalutato del tutto, perché ci importa sapere quanto dovremo stare attaccati al computer per esportare il nostro lavoro.

Velocità (il numero con la x)

Questo è un valore che spesso viene omesso sulle schede di memoria più nuove, perché non è molto preciso. In poche parole, però, la x vicino al numero sta per 0,15MB/s.

Una scheda con 1000x sarà in grado di scrivere e leggere a 150MB/s,  ma questo parametro non è garantito e ha valore inferiore a quello della classe di velocità.
In sostanza, comunque, quando stiamo guardando una scheda la velocità di lettura indicata in questo modo è equivalente a quella indicata in MB/s.
Fumo negli occhi? Certamente no, nel caso dei marchi affidabili, ma non fateci troppo affidamento.

 

La scelta dello spazio per i vari formati

Ogni scheda SD ha un parametro molto importante: quello dello spazio di archiviazione.
Si parte da schede da 2GB per arrivare a 256GB e oltre, ma la scelta migliore sta spesso nel mezzo.
Considerate di comprare le schede SD sulla base delle vostre necessità e di semplici principi di precauzione. Perché?

Perché rischiate di perdere tutto!

È davvero un concetto semplice: se mettete tutto il vostro girato o le vostre foto su una scheda da 256GB, avrete il doppio delle possibilità di perdere il materiale rispetto al caso in cui lo metteste su due schede da 128GB.
Dividete il materiale in più schede, perché è statisticamente più difficile che due schede, o quattro, si corrompano tutte assieme. Se invece, come dicono gli americani, mettete “all your eggs in one basket”… Eh beh, ve la siete cercata!

E soprattutto, non dimenticatevi di archiviare!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *