Perché scegliere la Panasonic G80 (invece della GX80)

Non vi vogliamo confondere le idee, ma solo lasciarvi qualche idea in più dopo avervi consigliato la GX80 come prima mirrorless per il video. Speriamo che dopo questo post avrete invece le idee più chiare e saprete scegliere con cognizione quale sia la macchina che fa per voi! 

Cercheremo quindi di parlarvi della G80 in modo completo, ma il vero cuore di questo articolo sarà il confronto tra G80, GH4  e GX80.

Com’è la Panasonic G80

Se volessimo farla molto semplice, potremmo dire che la G80 è quasi una Panasonic GH5 in miniatura. Non solo perché ha alcune funzioni in meno dell’ammiraglia di casa Panasonic, ma proprio perché ne riprende le forme rimpicciolendole leggermente da ogni angolazione la si guardi.

Le differenze di dimensioni sono piccole, ma ci sono (Immagine da cameradecision.com)

La G80 (che nella foto si chiama G85 perché negli Stati Uniti la camera ha un’altra denominazione, ma è la stessa cosa) è ridotta circa del 10% in dimensioni, e in questo modo si permette di essere più leggera di 200g rispetto alla sorella.

Per il resto però l’ergonomia delle due macchine è molto simile, e questo piace a tanti: in particolare, rispetto alle macchine della serie GX, la G80 ha un’impugnatura più sporgente, che permette un controllo migliore della presa anche con una mano sola.

Anche la disposizione dei pulsanti e delle ghiere è fatta in modo che si debba entrare poco nei menu: il loro numero e disposizione è molto simile a quello della GH5, e in questo modo si può pensare di usare la G80 come seconda camera, per i professionisti.
Facciamo notare come anche in questo caso l’ergonomia vinca sulla GX80: i comandi subito a portata di dito sono di più.

Se non fosse per il flash integrato la si potrebbe scambiare per una GH5, ma è una G80

Perché la G80 va così bene per il video

Cercando in rete opinioni, abbiamo letto parecchi pareri di persone che si sono trovate a dover fare la fatidica scelta G80 vs GH5, e hanno scelto per la prima. E in generale non stiamo parlando di persone che stanno scegliendo la loro prima macchina, ma di gente che fa video da un po’ e sa di cosa parla. Certo, c’è chi preferisce la GH5 (e sono molti, a maggior ragione ora che il prezzo è sceso parecchio) ma già il fatto che persone che hanno un buon budget e sanno il fatto loro scelgano comunque la G80 ci rende ancora più sicuri delle nostre valutazioni.

Le caratteristiche interessanti per il video della G80 sono:

  • stabilizzazione integrata: così come la GH5 e la GX80, la G80 ha uno stabilizzatore integrato a 5 assi che permette di stabilizzare qualsiasi ottica, perché agisce sul sensore. Date le caratteristiche del sensore usato da Panasonic, che è leggermente più piccolo dell’APS-C, la stabilizzazione è molto efficace anche in video
  • attacco per microfono: un microfono esterno fa la differenza nella cattura dell’audio, e questa è una caratteristica che la G80 condivide con la GH5. In questo è meglio della GX80, e non è poco
  • Cine-Like D e V: i profili flat di Panasonic sono presenti in questa macchina e permettono delle buone regolazioni. Certo, non siamo al livello del V-Log ma è già qualcosa
  • 4:2:2 a 8bit: una buona compressione (per saperne di più leggete qui) che è al livello di molte macchine per video e permette una certa lavorabilità dei file
  • corpo weather-sealed: il che significa che se state girando sotto la pioggia, la macchina si stuferà di riprendere molto dopo di voi

Ora però veniamo ai confronti diretti.

G80 vs GH4: la concorrenza interna

Partiamo subito con il botto: la GH4 è probabilmente la più seria rivale della G80, grazie anche al fatto che si trova a un prezzo più che ragionevole. E poi non dobbiamo dimenticarci che questa macchina fino a qualche tempo fa era l’ammiraglia Panasonic, e quindi presenta tutte le caratteristiche delle ammiraglie.

Ma perché preferire la G80?
Beh, è difficile esprimere delle preferenze, ma andando sul tecnico possiamo dire cosa ci piace molto della G80: la stabilizzazione integrata. La possibilità di rendere stabili le riprese è una cosa che la GH4 non ha, a meno di dotarla di un gimbal, e questo fa certamente la differenza.
In più la G80 ha un sensore delle stesse dimensioni di quello della GH4 (16Mpx circa) ma guadagna quasi uno stop sulle alte luci: fino a 3200ISO può essere usata con più tranquillità ma ha bitrate più bassi della GH4, il che significa un po’ meno qualità del dettaglio (per farla semplice).
La G80 ha il jack per il microfono come la GH4, ma per contro non ha la possibilità di monitorare l’audio in cuffia anche se ci sono delle alternative.

Potremmo concludere con il fatto che se non avete grandi cifre da spendere potete considerare come fattore primario il prezzo: c’è una discreta differenza tra le due macchine.

G80 vs GX80: quella X in più…

Non cambiamo idea: la GX80 è un’ottima mirrorless per cominciare con il video, ma la G80 ha qualcosa in più (e lo si paga).

Come ormai avrete capito nel corso di questa recensione, la G80 è un’ottima mirrorless per video grazie al contorno di funzioni che presenta. E la differenza con la GX80 la fa proprio questa serie di cose che non sono fondamentali, ma fanno da ottima aggiunta ad una macchina già buona.

C’è naturalmente l’ingresso per microfoni esterni, c’è la tropicalizzazione (sopra parlavamo di weather sealing, sono la stessa cosa), c’è l’impugnatura più ampia, c’è la presenza di più comandi direttamente sul corpo.

Un consiglio: G80 o GX80?

Se ci chiedete un consiglio per scegliere tra queste due macchine, possiamo dirvi che la G80 è indubitabilmente superiore alla GX80, ma anche quest’ultima ha i suoi punti di forza.

Prima di tutto il prezzo, che è discretamente più basso e vi permetterebbe di comprare un buon fisso Panasonic (ad esempio questo normale di qualità).
E poi le dimensioni ancora più ridotte, e la forma che a qualcuno può piacere di più.

Ma se proprio siete interessati al video e volete buttarvici con forza… Beh, scegliete lei, la protagonista di questo nostro articolo.

Il prezzo della G80 su Amazon

 

La GX80 in kit su Amazon

 

Diteci la vostra! Avete scelto la G80? Potete comparare varie macchine della linea Panasonic e ce n’è una che vince su tutte le altre?

 

4 commenti:

  1. GAETANO MAGLIUOLO

    acquistando il solo corpo macchina Panasonic Lumix DMC-G80EG-K
    qual’è l’ottica che devo acquistare poi a parte per poter sfruttare la stabilizzazione a 5 assi?

    cordiali saluti
    Gaetano Magliuolo

  2. Mario Ferdinandi

    Una mirrorless che mi interessa molto per l’uso che dovrei farci, cioè buona parte per uso personale e all’occorrenza per uso webtv redazionale. Una macchina che sembra versatile, piccola, compatta e con un buon FHD. Fondamentale per l’uso che dovrei farci è la stabilizzazione e l’uscita mic. A proposito di quest’ultima, sul sito ufficiale non trovo info a riguardo, ma il connettore audio è 2,5 o 3,5? Utilizzando mic (gelato e lavallier) è preferibile non usare adattatori che alla lunga danno noie. Voi sapreste indicarmi questa caratteristica e, soprattutto, l’avete provata? Pregi e difetti?

    • Ciao Mario, la G80 ha un jack 3.5mm, che va bene con tutti i microfoni da slitta.
      È una bella macchina, sicuramente più che sufficiente per quello che vuoi farci.
      Parlando di pregi e difetti, andiamo con ordine.
      Pregi:
      -stabilizzazione ottima
      -parco ottiche ampio ed economico
      -ergonomia
      -completezza a basso costo
      -compattezza
      Difetti:
      -il sensore più piccolo rispetto all’APS-C dà minore gamma dinamica (specialmente sulle alte luci) e meno sfocato

      In linea di massima è un buonissimo acquisto, secondo noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *