La GH5 per i matrimoni: consigli e caratteristiche

Ormai lo sappiamo: la GH5 è una macchina molto amata da chi fa video matrimoniali, e probabilmente se anche voi state cominciando a lavorare in questo settore l’avete adocchiata. Oppure siete passati da un corredo di altro marchio e volete capire meglio come settare la Panasonic GH5 per le riprese wedding. 

Questo post è per voi, e prende le mosse da un video che abbiamo scovato su YouTube e che racconta l’esperienza di due matrimonialisti che troviamo molto bravi e che hanno deciso di esprimere i loro consigli d’uso della Panasonic GH5, con particolare riferimento al settore wedding, dopo averla usata per un primo matrimonio a New York.

La GH5 per i matrimoni, spiegata in un video

Il video che vi proponiamo è di White in Revery, una coppia che fa video per matrimoni e li fa bene (date un’occhiata al loro sito). Sicuramente i posti in cui riprendono sono molto molto belli – ci sono matrimoni in Islanda, matrimoni in hotel fichissimi di Brooklyn e così via – e questo aiuta parecchio, ma c’è anche del manico. Un inciso: amici matrimonialisti che vi trovate a lavorare sempre nell’ufficio del comune più triste che ci sia, sappiate che vi vogliamo bene e vi supportiamo. Abbracciamoci! 

La cosa che ci è piaciuta di questo video è che i due ragazzi sanno il fatto loro, e che molte delle loro considerazioni sono condivisibili, anche se semplici. In più il tutto è organizzato in modo preciso, e suddiviso per argomenti.

Quindi andiamo a vederci questa video-opinione sulla GH5 nella matrimonialistica, e poi facciamo un riassunto per punti.

 

I principali punti del video

Ogni paragrafo è titolato e riporta al secondo preciso del video in cui si parla dello specifico argomento. La traduzione libera è fatta in prima persona

1. Settaggi della GH5 per video – 1:38

Avevamo a disposizione 3 gh5, due delle quali prese a noleggio. Il profilo colore è stato il CineLike-D perché non avevamo a disposizione il V-Log per tutte le fotocamere, non essendo arrivato in tempo. Il CineLike D ha un ottimo range dinamico, e il V-Log è ancora meglio. Noi però registriamo molto in 8 bit e visto che il V-Log dà il meglio in 10 bit probabilmente non ci è così necessario.

Ci piace molto girare in 4K a 60 frame al secondo, per poter fare slow motion.

I file sono molto grandi, molto più di quelli delle Sony Full Frame: tanto per dare un’idea abbiamo usato circa 400GB di memoria per questo matrimonio, usando circa 100-150MB al secondo. Con le Sony sono invece circa 50.

2. La resa del colore della GH5 – 4:08

Veniamo da Canon e poi Sony: Canon ha una resa del colore molto buona, come sappiamo.
Sony è meno saturata ma permette più controllo in post.
Le cose sono un po’ differenti con la GH5, che ha verdi e arancioni più saturi. Bisogna quindi lavorare su questi colori per desaturarli nel caso si decida di lavorare con i due marchi in contemporanea.

3. Basse luci – 5:04

Questa è una delle cose in cui Sony è migliore, ma la GH5 riesce comunque a reggere il confronto?
La differenza in questo caso la fanno gli obiettivi, che devono essere luminosi. In generale non siamo mai andati oltre i 3200ISO, perchè la resa sopra a queste sensibilità non è sufficientemente buona. Avendo però degli obiettivi veloci si può ovviare alla cosa.
Inoltre usiamo spesso luci esterne, e facciamo in modo da avere scene ben illuminate; in questo modo possiamo usare nella maggior parte dei casi 800ISO.

Naturalmente se lavorate molto con luci bassissime, Sony è una scelta migliore. L’alternativa in caso di passaggio a un corredo Panasonic è di tenere una Sony come backup.

4. Autofocus – 6:57

Ha senso usarlo? Semplicemente no.

C’è troppo focus hunting e i risultati non sono consistenti. Il miglior autofocus con cui abbiamo mai avuto a che fare è quello della Samsung NX1 (purtroppo non più in produzione).

Considerato però che noi lavoriamo sempre in manuale, questo non è un grande problema, ma se volete l’AF è meglio Sony.

5. Sensore e full frame – 7:50

Il sensore della GH5 è più croppato e bisogna tenere in considerazione questo aspetto nella scelta degli obiettivi.

Abbiamo dovuto modificare il nostro corredo e dopo aver visto molte recensioni in rete (buone quelle di Shane Hurlbut) abbiamo deciso di usare obiettivi Voigtlander.
Per mantenere profondità di campo ridotte abbiamo preso obiettivi molto luminosi presenti in questa linea.

6. Ergonomia – 10:04

L’ergonomia di questa macchina è ottima, ha un bel grip migliore di quello delle Sony Full Frame. Anche la tropicalizzazione è un bel punto a favore.

7. Batterie -10:41

Con Sony usavamo 10-11 batterie per ogni matrimonio, e la GH5 consuma di meno.
Però c’è da tenere in considerazione il fatto che abbiamo usato molto lo stabilizzatore integrato e questo consuma parecchia batteria. Nel matrimonio di New York abbiamo usato 8 batterie in totale per tutte le macchine.

8. Stabilizzazione – 11:48

È fantastica, una delle migliori caratteristiche di questa macchina.
Abbiamo potuto riprendere tutto il matrimonio a mano libera, cosa che con Sony non ci fidavamo a fare completamente. Con la GH5 non abbiamo notato nessun tipo di warping dell’immagine e non ci sono stati problemi di rolling shutter.

La stabilizzazione diventa ancora migliore in accoppiamento allo stabilizzatore digitale. Nel caso si usi sempre la macchina a mano libera, comunque, è probabilmente meglio a vere a disposizione un cage per stancare di meno la mano.

Un contro dell’IBIS: il flare era tremolante. Attenzione se fate riprese con luce da dietro perché i riflessi interni all’obiettivo potrebbero assumere una forma strana.

9. Lo schermo e menu – 14:23

Nelle macchine Sony i menu non sono il massimo, mentre nella GH5 sono molto più efficaci.
È molto utile anche il fatto che lo schermo possa essere ruotato in tutte le direzioni, per effettuare riprese con angolazioni diverse. Un altro aspetto molto positivo è il fatto che sia touch.

10. Monitor esterni – 15:16

Continueremo ad usarli? Sì, perché sono utili. Possiamo usarli per le LUT, sono molto buoni quelli di Small HD e danno soddisfazione nel vedere l’immagine in formato più grande.

11. Obiettivi e speedbooster – 16:00

Chi usa Sony probabilmente ha a disposizione obiettivi Canon, e anche nel nostro caso era così. Nel nostro corredo avevamo un 24-105mm f/4, un Sigma 35mm f/1.4  e un Canon 135mm f/2. Tutti obiettivi troppo lunghi con il fattore di crop, e il 24-105 non è abbastanza luminoso per avere un buono sfocato.

Abbiamo quindi deciso di comprare nuovi obiettivi, e in rapporto qualità-prezzo i Voigtlander ci sono sembrati i migliori. Hanno uno sfocato molto cremoso, mantengono belle tonalità della pelle e funzionano bene per i matrimoni.

Nel nostro kit c’è il 17,5 f/0.95, che diventa un 35mm su Full Frame e che dà i suoi migliori risultati a diaframmi intorno a 2-2,5. Poi il 42,5mm f/0.95 come tele.

Il grandangolo di Voigtlander da 10mm era troppo costoso per noi, e abbiamo preso l’SLR Magic 10mm, con diaframma massimo di 2.1.

Ciascuno di questi obiettivi costa intorno ai 700-900$, e questo kit è un buon compromesso per le nostre esigenze.

Per quanto riguarda gli SpeedBooster, preferiamo non usarli, per questioni di costi. Vanno però molto bene con il 18-35 di Sigma (di cui abbiamo parlato qui).

11. Schede SD – 21:11

Con la GH5 c’è bisogno di schede di memoria veloci. Abbiamo usato sia Sandisk che Delkin, ma con le Sandisk da 95MB/s abbiamo avuto qualche problema di blocco.

12. Gimbal – 22:43

In genere usiamo il Ronin M, ma visto che ci piace avere setup minimali abbiamo deciso di provare il Pilotfly H2, un ottimo gimbal che permette di avere lo schermo disossato a sinistra sulla GH5, una caratteristica molto interessante.

13. Cose da sapere prima di comprare la GH5 – 23:55

Schede di memoria: bisogna averne parecchie perché i dati registrati sono molti.
Batterie: quelle della GH5 hanno una durata molto ampia, ma se si usa lo stabilizzatore integrato bisogna tenere in considerazione il consumo sarà più elevato.
Espansione ISO: meglio non usare la funzione che permette di espandere gli ISO, perché non dà buoni risultati soprattutto in termini di cloipping delle alte luci, anche a ISO sotto i 200.
batterie: quando usi ibis devi considerarlo.


Elenco dell’attrezzatura menzionata nell’articolo

Panasonic GH5: http://amzn.to/2ywTzdD
Obiettivi Voigtlander: http://amzn.to/2fDeh7T, offerte del 42,5 su eBay
Obiettivo SLR Magic: https://goo.gl/sCpf3e (non lo abbiamo trovato in Italia)
Ronin M: su eBay
PilotFly H2: su eBay

Attenzione: se comprate usando alcuni di questi link percepiamo una commissione (ma per voi il prezzo rimane lo stesso, naturalmente). Se vi stiamo antipatici quindi NON cliccateli mai! Se invece vi piace il sito potete comprare passando attraverso essi. Per voi non cambia niente, se non che magari quando tornate ci saranno più contenuti, e migliori

 

E voi che ne dite? Ci raccontate la vostra esperienza nel lavoro per matrimoni con la Panasonic GH5?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *