Sony a6300: le recensioni e i risultati

Ormai è arrivata anche su Amazon ad un prezzo ottimo e nei negozi online italiani, e la videoreflex (è molto di più, non la chiamiamo solo macchina fotografica) Sony a6300 viene recensita dai maggiori esperti di video e fotografia.
In questo articolo raccogliamo le più interessanti recensioni della Sony a6300, concentrandoci naturalmente sulle sue capacità video con un occhio di riguardo a due aspetti:
-la a6300 è davvero così efficace nella riproduzione video con bassa luce e alti ISO?
-ma soprattutto: come si comporta rispetto alla sorella maggiore, la Sony a7s II (che costa un bel po’ di più ma sembra condividere con la Sony a6300 molte capacità), e ad una delle migliori fotocamere economiche per i video finora, la Panasonic GH4?
Crediamo che queste recensioni della Sony a6300 che abbiamo raccolto vi stupiranno come hanno stupito noi, anche se certamente non mancano di evidenziare alcuni difetti della macchina.

Le opinioni in rete sulla a6300

Quando non ci si può ancora fare un’opinione diretta su una videocamera, perchè come nel nostro caso il prodotto è ancora relativamente nuovo (la Sony a6300 è però oggi disponibile sui maggiori store) la cosa migliore da fare è cercare opinioni altrui, mischiarle e cercare di tirarne fuori una visione complessiva. Il risultato è che può capitare, come è successo a noi, di avere una voglia matta di prenotare la a6300, di farlo e di aspettare con ansia l’arrivo della spedizione.
Abbiamo perciò scandagliato la rete in cerca delle recensioni di chi la macchina la ha a disposizione perchè si trova dall’altra parte dell’oceano ed è fortunato, di chi ha ricevuto la Sony a6300 in prova in quanto scrive per una rivista (alert: qui bisogna avere l’occhio attento), di chi invece ne scrive con cognizione di causa anche senza avere la macchina in mano ma commentando test e dati tecnici.
I pareri sono abbastanza unanimi, in generale: Sony ha fatto centro, la a6300 è una gran macchina per effettuare video in particolare in condizioni di scarsa illuminazione e il prezzo, anche ora che è nuova, è molto molto buono.
I commentatori si rifanno alle prove che mettono a confronto la a6300 con la Panasonic Gh4 (avevamo raccolto in un post varie recensioni sulla Panasonic GH4) e con la Sony a7s II, macchina professionale che solo poco tempo fa ha stupito per i risultati ottenuti ad alti ISO.
Naturalmente questa macchina ha anche dei difetti, e ne parliamo paragonandola alle colleghe.

Sony a6300 contro Sony a7s II: e luce fu

In questo caso il paragone dovrebbe essere improponibile: la a7s II è una macchina professionale, con un corpo professionale e un prezzo da pro (finora il prezzo migliore da un negozio affidabile che abbiamo trovato è questo, fateci un fischio se c’è di meglio in giro) e ha caratteristiche speciali. In particolare è nota per la sua ottima resa agli alti ISO: è probabilmente la miglior videoreflex sotto questo punto di vista, e le rivali non sono nemmeno vicine.
La sorpresa è che la alpha 6300 gestisce gli alti ISO in maniera molto simile a quella della sorella maggiore! Abbiamo visionato vari filmati in rete, ed è incredibilmente così: nonostante la a6300 abbia una densità di pixel maggiore e un sensore più piccolo della a7s II, che è una full frame, i risultati in termini di riprese in condizioni di luce scarsa sono paragonabili e ottimi.
Lasciamo la parola a Nino Leitner, di cinema5D, che ha avuto modo di effettuare alcuni test sulla fotocamera, e di riprendere anche video in condizioni difficili:

All in all, the Sony a6300 is a truly surprising camera. Who would have thought that a budget camera would perform so well when compared to the quality of the highly recommended Sony A7S II?
When we compare the Sony a6300 vs. Sony a7S II, we see that the latter has slightly better quality in terms of dynamic range and low light capabilities, but the Sony a6300 certainly excels when it comes to fine image details and sharpness.

Qui potete trovare molte immagini di paragone tra le due macchine e una serie di considerazioni davvero interessanti che possono aiutare nella scelta sulla alpha 6300.
Parlando di paragoni video duri e puri purtroppo non abbiamo potuto trovare filmati che includessero la a7s II, ma abbiamo scovato un video che mette a confronto a6300 e a7r II ad alti ISO. Vale comunque la pena di guardarlo, e le considerazioni sono le stesse:

 

 

Piccole differenze che fanno il prezzo: a6300 VS a7SII

La Sony alpha 6300 e la sorella maggiore non sono certamente la stessa cosa, sotto molti punti di vista, e le recensioni in rete non hanno mancato di farlo notare. Uno dei primi problemi evidenziati è che la Sony a6300 non ha un jack da 3.5″ per le cuffie: questo significa che per ascoltare l’audio bisogna avere un monitor esterno da collegare all’uscita HDMI e da lì collegare le proprie cuffie (ma abbiamo scovato in rete un altro modo più economico per monitorare l’audio della a6300).
Altra mancanza di questa macchina rispetto alla a7s II è quella che riguarda lo stabilizzatore integrato nel corpo e una certa minore ergonomia. Naturalmente chi la usa anche per altro oltre ai video potrà dire che una macchina piccola è comoda, e che in ogni caso è consigliabile usare supporti di vario genere per le riprese.
Inoltre la a6300 ha una durata di registrazione video limitata a 29′ 59″, ma è possibile che questa possa essere bypassata usando qualche hack che potrebbe uscire se la macchina sarà molto usata dai videomaker.

Il difetto più grande: il rolling shutter

Ora arriviamo alla nota veramente dolente riguardante questa macchina, un problema che non sappiamo se sarà risolto con l’uscita di nuovi firmware oppure ci dobbiamo tenere così com’è: la a6300 soffre di rolling shutter in maniera abbastanza netta.
Ancora una volta lasciamo parlare un video (guardate a 2:13, tutto questo è abbastanza triste):

Si parla di questo problema anche nella recensione da Cinema5D linkata sopra, e si evidenzia come la velocità di lettura del frame, dall’alto in basso, sia piuttosto elevata: 34ms (la 7s II ha una velocità di lettura del frame di 25ms).
Naturalmente qui stiamo parlando di test, e come spiegato nel video il rolling shutter, o effetto gelatina, non è visibile a meno di fare panning molto violenti e rapidi.
Abbiamo inoltre dedicato un articolo intero alla questione del rolling shutter della a6300: dateci un’occhiata per capirne di più.

Sony a6300 contro Panasonic GH4

Parlate della Panasonic GH4 con qualsiasi videomaker, e lui vi risponderà entusiasta che è una grande macchina fotografica per riprese video, che è economica, che ha qualità di immagine e il supporto di una comunità di sviluppatori eccezionale… Tutto vero, ma la a6300 potrebbe cambiare qualcosa.
Il forum di DPReview non è il mondo, ma leggere opinioni come questa (“I 6400ISO della a6300 sono come gli 800 della mia GH4. Come hanno fatto?”) è comunque impressionante. E poi c’è la community di VideoMakers.net, che ha popolato un bel thread in cui da molte parti si parla della nuova nata di casa Sony come di una validissima alternativa alla Panasonic GH4.
Lasciamo parlare di nuovo le immagini, concentrandoci sugli alti ISO:

 

8 commenti:

  1. Buongiorno. Innanzitutto complimenti per il sito che reputo meraviglioso. Poi volevo chiedervi: mi hanno regalato una Sony Alpha 3000 circa un anno fa e ho scoperto che fa video eccellenti. Ci sono differenze sostanziali con la qualitá video delle Sony serie 6000, oppure per realizzare dei piccoli cortometraggi posso pensare di tenerla, investendo Invece sulle ottiche?
    Grazie

    Paolo

    • Beh, grazie mille per i complimenti Paolo! 🙂
      In linea di massima da queste parti siamo sempre per l’investimento in ottiche: alla fine quelle ti restano qualsiasi corpo macchina tu abbia. La a3000 è una buona macchina, non ha le ultime novità della a6500 (in particolare l’AF dovrebbe essere meno prestante, da specifiche) ma si difende bene in termini di qualità del file.
      Il consiglio è quello di provare a girare un po’ con questa macchina e prendere un buon obiettivo: è una buona idea usare una macchina con delle limitazioni per capire quali sono le nostre esigenze e poi eventualmente mettersi alla ricerca di qualcosa di più performante. Se devi fare dei corti, tra l’altro, ti serviranno soprattutto buone luci e buoni accessori, più che macchine con AF velocissimo o alti ISO incredibili!

      Giusto due dritte:
      -un nostro articolo con spunti sugli obiettivi Sony E: http://www.videoreflex.org/obiettivi-sony-a6500-a6300/
      -un video di Simon Cade sul NON comprare macchine nuove (se mastichi l’inglese è interessante): https://www.youtube.com/watch?v=HE-VWdZUM1w

  2. Buonasera, Mi chiamo Penna , Possiedo una Sony A6300 tempo fa ho venduto suo obiettivo di corredo per acquistare lo ZEISS 4/ 16-70 – – Sono un neofita , ma credo di aver capito che questo obiettivo non è un gran che’ secondo le mie modeste capacità di fotografo- Ciò premesso, vorrei ritornare all’acquisto del suo obiettivo di corredo. Ora chiedo a Lei, se mi conviene ri acquistare l’obiettivo di corredo , oppure se Lei può indicarmi un obiettivo migliore sempre per la 6300-
    P.S – Ricordo inoltre, che con l’obiettivo ORIGINALE di corredo, potevo andare in giro mettendomi la macchina in una tasca della giacca, mentre con lo Zeiss , come ben sa, essendo più lungo, non mi sta da nessuna parte , se non portarmi dietro una borsa molto ingombrante.
    La ringrazio tantissimo se vorrà , cortesemente darmi un consiglio in merito, nella speranza di essere stato sufficientemente esaustivo nelle mie domande. Anticipatamente La ringrazio. Giuseppe Penna – Sanremo

    • Salve Giuseppe!
      È un po’ complicato darle una risposta precisa, ma sembra che lei voglia un obiettivo compatto e allo stesso tempo di buona qualità. Purtroppo il 16-70 Zeiss non pare sia in grado di dare nessuna di queste caratteristiche… È forse un obiettivo nato male, ma che soprattutto ha un costo troppo elevato per quello che offre.
      A questo punto le opzioni sono due: o tornare al classico 16-50, oppure tentare una strada completamente diversa: quella dei fissi, di cui siamo fan.

      Potrebbe pensare ad esempio ad una coppia di Sigma come questi:
      http://amzn.to/2uIpKpP
      http://amzn.to/2tPolk1
      oppure se vuole più lunghezza prendersi il 19 e un 60, sempre Sigma: http://amzn.to/2w5CBBS.

      È una scelta diversa da quella che aveva in mente, ma ci sentiamo di suggerirgliela anche solo per darle una diversa prospettiva. Ci faccia sapere se la risposta è soddisfacente o se possiamo aiutarla ancora (sperando di averla aiutata!).

  3. CIao, sono nuovo da queste parti. Sono riuscito a mettere un bel gruzzoletto da parte (900€) per comprare la Sony a6300, dopo aver valutato tramite tanti siti, che sia il miglior compromesso foto/video in quella fascia. Mi sono appena laureato, ma ho sempre coltivato il sogno di fare videomaker/filmmaker. Sono capitato qui, e dopo quest’articolo sono crollate le mie certezze su questa mirrorless.

    • Ciao Andrea, ci dispiace di averti creato dubbi. È sempre complicato scegliere l’attrezzatura. Cosa non ti convince più della a6300?

  4. Cosa mi consigliereste fra la a6300 e la rx100 m5? Sono veramente molto indecisa fra le due. La userei solo ed esclusivamente per fare video: per YouTube, per viaggi, per esercitarmi nel film making e nella color correction.
    Inoltre so che entrambe sono uscite nel 2016 e non vorrei nemmeno rischiare di comprarle per poi vedermi uscire un nuovo modello a distanza di pochi mesi… Non tanto per volere il modello nuovo perché per le mie prerogative la scelta è ricaduta su questi due modelli, ma per il deprezzamento che subirebbero.

    • Ciao Serena! Forse ti abbiamo già risposto su FB, ma comunque… Sono due macchine completamente diverse, probabilmente puoi ragionare così: se hai intenzione di perseguire questa strada con serietà, meglio una camera con obiettivi intercambiabili, che puoi dotare di accessori e che ha un sensore molto più grande (cioè la a6300). Se invece il tuo obiettivo principale è la praticità, vai di RX100 V (tra l’altro è appena uscita la versione VI, per cui il problema del deprezzamento si pone di meno).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *