Sony 18-110mm: una recensione

Vi segnaliamo una recensione da Cinema5D di un obiettivo di cui non si sta parlando molto, perchè è piuttosto “medio”. Ma proprio per le sue caratteristiche sembra interessante.
È il 18-110mm G f/4, un obiettivo pensato per videocamere con sensore di dimensioni medio/grandi, ma anche per le mirrorless!

Parliamoci chiaro: non si tratta di un obiettivo per tutte le tasche ma, come detto nella recensione, è una lente pensata per documentaristi, matrimonialisti e affini. Professionisti che hanno bisogno di un obiettivo molto versatile, con caratteristiche specifiche per il video e pensato per offrire la massima praticità.

A colpire sono soprattutto la costruzione e gli accorgimenti tecnici del 18-110mm f/4, e a guardarli bene ci si rende conto che questo è un vero e proprio zoom cinema di dimensioni abbastanza compatte, versatile e, come dicono gli americani, “convenient”.

Intanto vediamoci la videorecensione di Cinema5D, e poi ancora qualche parola:

 

Un obiettivo per video e cinema

Si tratta di due cose diverse, ma le caratteristiche che deve avere un obiettivo per video sono sempre le stesse. Vediamo in particolare quelle di questo 18-110mm:

è usabile con fs7  ed fs5 ma anche con a6300. Su quest’ultima è ovviamente sbilanciato, ma avendo un anello con supporto per il montaggio su cavalletto e la possibilità di essere inserito su cage, ci si può passare sopra

per documentari run&gun: quelli di Cinema5D l’hanno usato recentemente al NAB per riprendere la fiera in movimento. È sicuramente un obiettivo costoso, ma chi fa matrimoni o documentari e non vuole cambiare obiettivi troverà in questa lente la sua casa. Usata poi con macchine prestanti dal punto di vista della resa agli alti ISO (come la Sony a6500 o la a7sII) non avrà grosse difficoltà derivanti dal diaframma minimo non proprio ampio

ottimo range su super35mm: è perfetto per le videocamere di media taglia e va a nozze con le ammiraglie Sony. Tanto per fare un nome, di nuovo la alpha 7SII

è un obiettivo parfocale. Questa caratteristica è importante in ambito video. Significa che quando cambiate zoom la messa a fuoco rimane fissa

ha un sacco di ghiere e tasti utili: una ghiera per la messa a fuoco con follow focus, frontale, un interruttore che permette di modificare il verso di messa a fuoco, un interruttore per la scelta tra zoom manuale e servo (con ulteriore interruttore per una zoomata “elettronica”)

Secondo la recensione di Cinema5D, che ha provato estesamente l’obiettivo, la messa a fuoco è silenziosa e fluida. L’obiettivo però presenta distorsioni e aberrazioni cromatiche al grandangolo. Se usato però con macchine Sony comunica con il corpo macchina che tramite software interno corregge questi difetti della lente.

Il difetto più importante di questa lente secondo quelli di Cinema5D (e noi concordiamo) è la distanza minima di messa a fuoco: 1 metro è davvero tanto, e questo ci fa ragionare sul fatto che se volete dei closeup dovrete per forza accoppiarlo a un obiettivo macro o comunque con distanza di messa a fuoco minima minore.


Se volete scriveteci un commento su questo obiettivo: lo possedete? Avete intenzione di comprarlo? E se sì, come lo userete?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *