Il rolling shutter della a6500, purtroppo

Vi ricordate la polemica del 2016 in campo mirrorless? Ecco, forse anche per la prima parte del 2017 avremo a che fare con le stesse questioni. 

La a6500 è uscita e ha già un prezzo più basso di quello annunciato, e finalmente gli utenti non professionali stanno cominciando a usarla.
Come avevamo già detto in una raccolta di recensioni della a6500 Sony ha cercato di migliorare sotto tutti i punti di vista la già interessante Sony a6300 aggiungendo alcune funzionalità interessanti, prima tra tutte lo stabilizzatore.

 

Problemi da risolvere: rolling shutter e surriscaldamento

Ma quello che tutti si aspettavano dalla nuova uscita era la soluzione ad un paio di problemi. Il primo è quello del surriscaldamento in caso di riprese 4K che vedeva vittima la a6300 (e qui hanno migliorato le cose; vedere le recensioni linkate sopra).
Il secondo è quello del rolling shutter, e per capire se è stato risolto diamo un’occhiata a questo video:

Il video proviene dal canale YouTube di 4K Shooters, e come da descrizione è realizzato in 4K montando sulla a6500 un obiettivo Yongnuo (attacco Canon) con adattatore Commlite.

Secondo quelli di 4K Shooters

the rolling shutter is pretty horrid on the a6500, despite the 5-axis IBIS, it’s pretty much unusable for video unless you are make very subtle movements on a monopod or tripod.

In sostanza la Sony a6500 non ha risolto il problema del rolling shutter, e questo anche nonostante lo stabilizzatore a 5 assi. Secondo chi ha effettuato la prova “è praticamente inutilizzabile per il video, a meno che si facciano movimenti molto lenti con un monopiede o un treppiede”.

La prova di panning in effetti non è delle più incoraggianti, ma come nel caso della a6300 siamo abbastanza convinti che nonostante la velocità di lettura del frame non fantastica, la a6500 sia una buona macchina per video.


 

Se volete acquistare la Sony a6500 potete usare questo link (e sosterrete il sito senza costi aggiuntivi per voi!).
Se invece volete commentare la cosa fatelo qui sotto: siete delusi? Vi aspettavate risultati diversi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *