RED Hydrogen: il primo prototipo

RED, la azienda produttrice di videocamere di alto livello a prezzo decentemente basso, ha stupito tutti annunciando un nuovo prodotto: uno smartphone.
Dopo il normale scalpore suscitato da questo annuncio, per qualche tempo non si è più sentito parlare del RED Hydrogen. Oggi però ci sono un paio di prototipi ufficiali, e possiamo saperne qualcosa di più.

Come capita spesso ultimamente, l’azienda ha deciso di affidare la presentazione di questo smartphone pensato per il video a un vlogger. Marques Brownlee ha avuto modo di tenere in mano e provare alcuni prototipi del RED Hydrogen: uno che ha l’aspetto definitivo del telefono-videocamera (ma non le funzionalità), uno che presenta alcune tra le principali funzionalità ma non l’aspetto esteriore, e un terzo che risulta sorprendentemente interessante per noi video maker. Un prototipo che dovrebbe spiegare quale sarà la piega che prenderà questo prodotto con i futuri sviluppi.

Guardiamoci la presentazione, e poi parliamo ancora brevemente di questo smartphone per video:

Riassumiamo il video prendendo in considerazione alcuni aspetti fondamentali di quello che abbiamo appena visto.

L’aspetto del RED Hydrogen

Sull’esterno lo smartphone presenta due pannelli in kevlar (che probabilmente miglioreranno la ricezione del telefono, e sono soprattutto molto cool) e soprattutto ha una forma interessante: i bordi sono sagomati, per consentire una migliore presa sia che si giri in orizzontale che – sacrilegio! – in verticale.
È uno smartphone molto grosso, e questo è sicuramente uno svantaggio ma anche un vantaggio perché renderà la produzione di accessori più facile.
Dal punto di vista dello spessore siamo su misure sorprendentemente compatte.

I bottoni sono grossi, e l’aspetto esteriore sembra proprio da RED.

Il display olografico

Quello che tutti aspettano con più ansia da questo smartphone è il display olografico: un display che dovrebbe riprodurre filmati in modalità 3D con una qualità molto alta, e senza bisogno di occhiali o altri dispositivi esterni.
Non sappiamo come possa funzionare, ma da quel che dice Brownlee è impressionante, al netto degli ovvi difetti di un prototipo.

Uno smartphone per video

Secondo quelli di RED, questo smartphone Hydrogen sarà il futuro delle macchine da ripresa di piccolo formato: niente mirrorless, niente DSLR ma un telefonino con qualità pari a questi apparecchi.
Nelle aspirazioni di RED, l’Hydrogen dovrebbe avere una qualità superabile solo dalle cineprese RED.

È un’affermazione su cui non abbiamo nessun controllo, e che potremo verificare solo quando l’Hydrogen RED uscirà nella sua versione definitiva.
Il programma è molto ambizioso, e non ci sembra per niente sciocco, soprattutto se guardiamo al terzo prototipo mostrato nel video. Ecco uno screenshot:

Red Hydrogen con aggiuntivo ottico

Ecco, questa è la parte che ci interessa di più di tutto il video.
Nell’immagine potete vedere un RED Hydrogen equipaggiato con un aggiuntivo ottico (e probabilmente un sensore “cinema”) che dovrebbe far pensare al futuro di questo apparecchio.

Immaginate uno smartphone da mettere in tasca, con un piccolo astuccio di moduli da usare all’occorrenza per le varie esigenze di ripresa. E, stando a quanto dicono dalle parti di RED, con una qualità di immagine fantastica.
Beh, se si trattasse davvero di un oggetto del genere, forse il prezzo che i tanti che l’hanno preordinato sono stati disposti a pagare… non è esagerato per niente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *