Un lav economico, efficace e versatile

Abbiamo appena preso un piccolo microfono a pulce – quello che si chiama anche lavalier – da battaglia, e siccome è economico, ben fatto e pure con un sacco di accessori interessanti, ve ne proponiamo una mini recensione.

Ma prima uno spoilerone di quelli grossi: se anche a voi piace testare nuove cose e avete bisogno di oggetti che siano versatili e utilizzabili in tante situazioni diverse, probabilmente questo lav fa per voi. Anche perché funziona bene!

Un lav di Aputure

Ultimamente stiamo apprezzando sempre di più questo marchio, che colpevolmente non conoscevamo bene: Aputure le azzecca tutte – almeno per quel che riguarda i suoi prodotti che abbiamo provato – e anche questa volta ha tirato fuori un bel microfono a pulce ben pensato e ricco di accessori, che trovate qui su Amazon.

Gli accessori di questo lav sono davvero parecchi, e lo rendono utilizzabile in combinazione con molti apparecchi diversi, dalle fotocamere per video agli smartphone

Come vedete dalla foto, il microfono vero e proprio (che sta sulla destra) si perde quasi completamente tra tutti gli accessori disponibili in questo pacchetto completo.

Vediamoli nel dettaglio:

-il cavo per il collegamento allo smartphone
-il cavo per il collegamento alla fotocamera
-il cavo per la ricarica
-un filtro anti vento in spugna
-un deadcat (filtro antivento a batuffolo)

E in più c’è pure il nastro biadesivo per attaccare il microfono dove vi fa più comodo e un astuccio molto comodo per radunare il tutto, che vedete qui a sinistra.
Si tratta di un astuccio con doppio scomparto, una parte sagomata in spugna per alloggiare il preamplificatore e dall’altro lato uno scomparto con retina in cui inserire i cavi.
Essendo rigido questo astuccio lo potete mettere un po’ dove vi pare, senza aver paura di maltrattare troppo il microfono.
L’unico difetto che si può trovare qui riguarda le dimensioni: certo è comodo avere un astuccio così piccolo, però dovete essere abbastanza ordinati quando mettete via i vari componenti.
Il consiglio è quello di fare una foto all’assieme quando vi arriva, e prima di tirare fuori tutto: in questo modo riuscirete a capire come far stare tutto per bene nella custodia. In ogni caso, se Aputure ci legge (sì, vabbè), consigliamo di farlo un po’ più grande questo benedetto astuccio! Tra l’altro è proprio bellino, è un peccato…

Il microfono: come funziona?

Parliamo però della parte più importante di tutto questo oggetto: il microfono a pulce.
E non possiamo che parlarne bene, è un microfono che se posizionato nel modo giusto, cioè non troppo vicino né troppo lontano dalla nostra fonte sonora, cattura bene il suono, probabilmente con una certa predilezione per i bassi (ma niente di eccessivo).
Non ha senso fare comparazioni con prodotti di costo più elevato, a partire dai vari Rode, ma possiamo dire che non ha niente da invidiare a lav che costano svariate decine di € in più.

È chiaramente un microfono omnidirezionale, quindi dovete tenere in considerazione questa sua caratteristica quando lo posizionate.

Altra cosa positiva di questo microfono: il cavo di collegamento, che è luuuuuungo. È davvero lungo, all’incirca 3 metri, e se riuscite a farlo passare inosservato può diventare un buon sostituto di un microfono wireless. Sono due cose diverse, intendiamoci, ma per risparmiare…
In più a quanto pare questo cavo ha un’anima rinforzata in kevlar e rivestimento al silicone, per evitare problemi di garbugli vari.

Il corpo di alimentazione

Il piccolo doppio cilindro che avete visto nella foto sopra funziona da alimentatore – con batteria incorporata ricaricabile grazie al cavo in dotazione – e smista il segnale verso l’esterno ma ha anche un’uscita cuffie. Comodo non poco. E in più è dotato di una bella clip per il fissaggio a cinture, orli dei pantaloni e così via.
Come detto questa parte dell’apparecchio fa da alimentatore, per cui se avete un apparecchiatura di destinazione passiva, che cioè non è in grado di alimentare microfoni “semplici” allora è una comodità in più oltre naturalmente a quella di avere un sistema di monitoraggio dell’audio ad esempio per macchine che non prevedono un’uscita per le cuffie.

In un altro articolo magari parleremo del modo in cui funziona tecnicamente questo componente, spiegando le differenze tra i vari cavi. Nel frattempo leggete il chiarissimo libretto di istruzioni, e non eliminate le etichette, perché vi saranno utili per distinguere i vari componenti.

 

 


Come dicevamo sopra, questo microfono lo trovate in questa pagina di Amazon, e se deciderete di comprarlo fateci sapere la vostra opinione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *