Doppio schermo con DaVinci Resolve

L’argomento di questo post riguarda una delle domande che ci vengono fatte più di frequente, e che vengono proposte anche nel nostro gruppo dedicato a DaVinci Resolve (iscrivetevi qui). Ovvero: come usare DaVinci Resolve su due monitor. Esistono due modalità di utilizzo del dual monitor con DaVinci Resolve, e vogliamo spiegarvele bene mostrandovi anche quale attrezzatura sia necessaria per poter accedere a una delle due.

Dual monitor, due modalità

Facciamo prima di tutto chiarezza: esistono due modi diversi di distribuire gli strumenti di DaVinci Resolve su due schermi diversi.

A proposito: leggetevi il nostro post dedicato per trovare i migliori monitor per video editing (e anche photo editing!)

Nel primo caso semplicemente si prendono due monitor e si distribuiscono equamente i “contenuti” del pannello di lavoro di DaVinci Resolve per avere più spazio di manovra. È già un ottimo modo per poter lavorare con più comodità.

Il secondo caso è invece quello che prevede l’utilizzo di attrezzatura di supporto (ne parliamo qui sotto) per ottenere qualcosa di diverso: uno schermo in cui si mantengono tutti gli strumenti di lavoro di Resolve, e il secondo schermo su cui si può vedere in grande la preview del lavoro effettuato.
È un setup che in molti casi fa davvero comodo, e anche se non è apparentemente così immediata da ottenere, non è nemmeno troppo difficile.

Analizziamo rapidamente i due modi d’uso del dual monitor su DaVinci Resolve.

Il Dual Monitor su DaVinci Resolve

Parliamo della prima modalità di utilizzo di due monitor con Resolve.
Vi consigliamo prima di tutto di guardarvi questo video per avere un’idea di come possano essere impostati i due monitor, per ottenere differenti configurazioni:

A differenza che in molti altri NLE, su DaVinci non si può stabilire in modo completamente libero il posizionamento delle varie finestre su cui si lavora, ma esiste comunque un po’ di personalizzazione possibile, soprattutto in termini di spazio ottenibile dalla singola tab, a discapito di altre tab che in una certa fase del lavoro non sono così necessarie.

Come mostrato dal video sopra, bisogna fare due cose specifiche per usare due schermi con DaVinci Resolve:

  1. assicurarsi che il secondo monitor sia visto dal computer come un’estensione del desktop. Per fare questo vi conviene leggere le guide online dedicate a computer Mac e quelle per computer con sistemi operativi Windows. È tutto molto semplice, non preoccupatevi
  2. operare su Resolve attivando la modalità Dual Screen. Su DaVinci Resolve 14 il percorso da fare è

    Workspace > Dual screen > On

Niente di più.

A questo punto avrete gli strumenti di DaVinci Resolve “spalmati” su due pannelli diversi, e questo vi permetterà di lavorare con comodità in diverse situazioni.

Eccovi qui mentre sorseggiate brandy e lavorate amabilmente su un reference monitor da 8 milioni di pollici al prossimo film incomprensibile di Michael Bay

Reference monitor con DaVinci Resolve

Non capite il titolo? Per farla più semplice guardate la foto qui sopra (e leggetevi la didascalia: ma che simpatici siamo?): avere a disposizione un reference monitor è proprio questo, cioè poter lavorare su uno o più pannelli con gli strumenti del software di editing video, e su un altro schermo vedere in tempo reale e su grandi dimensioni quello che stiamo combinando. Inutile dire che questo tipo di configurazione è molto interessante per chi fa color correction, perchè permette di apprezzare al meglio le modifiche che effettuate sul file. Naturalmente tutto questo a patto che calibriate il monitor!

Vi piace? E allora dovete entrare in modalità shopping: Blackmagic Design consente di usare il reference monitor solo con apparecchiature esterne, che trasferiscano il segnale dalla vostra scheda video al secondo monitor.

Fortunatamente le scelte sono più di una, e ce ne sono di economiche e di più sostanziose. Vediamole.

Decklink Mini Monitor

Si tratta di una scheda PCIe di riproduzione con uscite SDI e HDMI. In sostanza la inserite sul vostro computer, la collegate alla scheda grafica con un cavo PCIe e potete trasferire il segnale dal vostro computer al secondo monitor.
È la soluzione più economica proposta da Blackmagic, e dato che DaVinci Resolve non offre compatibilità con altri prodotti del genere, è pure la più economica tout court. La trovate su Amazon e anche su altri store.

C’è da notare che questa scheda di riproduzione permette di trasferire il segnale a 1080p 30fps a 10bit.

Intensity Pro 4K

Siamo sempre dalle parti delle schede da montare sul computer, in questo caso costa un po’ di più ma la Intensity Pro permette di uscire sempre via HDMI, anche in Ultra HD. C’è anche un ingresso HDMI, per riversare materiale analogico e fare lavori interessanti con i propri vecchi archivi.
Anche questa è una scheda PCI Express, quindi controllate bene che il vostro altro hardware sia compatibile.

Dall’elenco dei CODEC compatibili notiamo che c’è materiale per fregarsi le mani: AVC-Intra, AVCHD, Canon XF MPEG2, Digital SLR, DV-NTSC, DV-PAL, DVCPRO50, DVCPROHD, DPX, HDV, XDCAM EX, XDCAM HD, XDCAM HD422, DNxHR e DNxHD, Apple ProRes 4444, Apple ProRes 422 HQ, Apple ProRes 422, Apple ProRes LT, Apple ProRes 422 Proxy, 4:2:2 non compresso a 8 bit, 4:2:2 non compresso a 10 bit, 4:4:4 non compresso a 10 bit

Ultrastudio Mini Monitor

Nel caso non possiate mettere le mani al computer, e abbiate a disposizione una porta Thunderbolt questa è una soluzione economica, che trovate chiaramente su Amazon.
Pure in questo caso avete a disposizione una uscita HDMI e una SDI, per una maggiore flessibilità, e pure in questo caso come nel primo che abbiamo menzionato il segnale è 1080p.

Per avere il 4K bisogna salire di prezzo. Segnatamente potete usare l’Ultrastudio 4K che ha un altro formato e caratteristiche molto più avanzate. Giusto per darvi un’idea, questa è la configurazione del posteriore dell’Ultrastudio 4K:

Ingressi e uscite per tutte le esigenze

In generale tutti questi apparecchi sono plug&play o poco più, perchè necessitano di un software che è disponibile nella confezione ma sono facilissimi da configurare.

Sentiamo a volte lamentele sul fatto che DaVinci Resolve, per funzionare al meglio, debba essere dotato di questi apparecchi. Ma che ne dite di prendere in considerazione il costo di Premiere? In fondo sotto questa prospettiva le cose non vanno poi male, no?


La panoramica dei modi per usare il doppio monitor con DaVinci Resolve è più o meno completa, scriveteci un commento se volete saperne di più!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *